Le scissioni di Papa Francesco


Papa Bergoglio
si presenta come un prete alla mano: la sua biografia narra di traversate per Roma con i mezzi pubblici, pasti preparati da solo e totale rintracciabilità telefonica. Tifoso di calcio, ballerino: un curriculum da progressista, malgrado le posizioni medievali sulle donne e un passato chiacchierato in Argentina.
La scelta del nome è significativa: Bergoglio, già professore di psicologia e letteratura, adotta il nome di quel santo da cui non solo si fa cominciare la storia della letteratura italiana, ma che si è radicalmente battuto contro il mondo mercantile paterno, spogliandosi delle sue ricche vesti con una prodigalità quasi degna di interdizione. Un uomo in odore di schizofrenia secondo alcuni commentatori moderni: i comportamenti stravaganti, i suoi colloqui con gli animali e le voci dal crocifisso che lo stimolarono alle scelte più significative della sua vita inducono a non sottovalutare questa ipotesi. L’auspicio è quello di una rottura con il passato recente della Chiesa, fatto di scandali sessuali, corvi ed evasione fiscale legalizzata; tuttavia la scissione considerata come meccanismo di difesa (alla base della schizofrenia) ha caratteristiche disfunzionali, in quanto forza il passaggio nella percezione dell’oggetto da completamente cattivo a completamente buono e viceversa. L’augurio che facciamo al nuovo Papa è quello di riformare la Chiesa in continua e fruttuosa interazione con una globalità, quella dei suoi fedeli: un po’ come ha fatto ieri, chiedendo quasi in modalità social network di ricambiare la preghiera che aveva appena dedicato loro.

Nicola Boccola – 14 marzo 2013

 

One thought on “Le scissioni di Papa Francesco

  1. Pingback: Divorzio: quando il Vaticano è più progressista della Sinistra italiana | Istituto HFC

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *