Ebook gratuito: I Migranti in Italia. Miti, dati e prospettive per l’accoglienza

 

Martedì 18 aprile 2017 ricorre il secondo anniversario del più tragico naufragio nel Mediterraneo, con la morte stimata di circa 900 migranti.

Per non dimenticare questa sciagura abbiamo deciso di pubblicare oggi il nostro nuovo ebook I Migranti in Italia. Miti, dati, prospettive per l’accoglienza, a cura di Maria Luisa Mazzetta (2017, pp. 104, ed. Istituto HFC). Per consultare l’indice clicca qui: Indice ebook

Per richiedere il download gratuito dell’opera clicca qui e compila il form.

Riceverai un’email di conferma all’indirizzo indicato – se non la trovassi cerca nella cartella spam. Dopo che avrai confermato la richiesta cliccando sul relativo link nell’email, riceverai entro 24 ore le istruzioni per scaricare l’ebook in formato PDF (NB: l’email non è automatica ma viene spedita almeno una volta al giorno).

Richiedendo l’ebook sarai iscritto alla newsletter di Istituto HFC: riceverai email (all’incirca una al mese) con informazioni sulle nostre attività scientifiche.

Tratto dal primo capitolo (Immigrazione e sistemi di accoglienza in Italia: cosa dicono i dati e come migliorare le Politiche di integrazione) di Marina Mastrorillo:

“Il racconto sulle migrazioni è distorto, alimenta atteggiamenti di chiusura e diffidenza nei confronti dei migranti. È importante avere un approccio più aperto, unire gli sforzi e incoraggiare lo sviluppo locale. Bisogna comprendere che la protezione dei rifugiati e la gestione dei migranti non sono solo un nostro dovere civico, ma anche un nostro interesse nel medio e lungo termine.

Vorrei concludere con le parole con cui si è espresso il famoso sociologo Zygmunt Bauman recentemente scomparso: Le economie europee hanno bisogno d’immigrati, perché senza di loro non potremmo vivere. Se nel Regno Unito gli irregolari venissero identificati e deportati, la maggior parte degli ospedali e degli alberghi collasserebbe, e credo che si possa dire lo stesso per l’economia italiana

 


					

Ebook: Un fiore che sboccia: le basi scientifiche dell’educazione all’affettività e alla sessualità

La felicità del genere umano dipende da come i genitori crescono i figli (Donald Winnicott)

 

Un fiore che sboccia - Screenshot copertinaDa venerdì 20 novembre, in occasione della Giornata Universale dei Diritti dei Bambini, è possibile scaricare su questa pagina l’ebook Un fiore che sboccia – Le basi scientifiche dell’educazione all’affettività e alla sessualità, frutto del lavoro del dinamico collettivo di psicologi La Ghirlanda.

Per richiedere il download gratuito dell’opera clicca qui e compila il form.

Riceverai un’email di conferma all’indirizzo indicato – se non la trovassi cerca nella cartella spam. Dopo che avrai confermato la richiesta cliccando sul relativo link nell’email riceverai entro una settimana (ma solitamente entro 48 ore) le istruzioni per scaricare l’ebook in formato PDF.

Richiedendo l’ebook sarai iscritto alla newsletter di Istituto HFC e La Ghirlanda: riceverai saltuarie email con informazioni sulle nostre attività scientifiche.

 


 

Parlano dell’ebook

 

 

 

  • articolo gazzettaArticolo su Gazzetta del Mezzogiorno (20 novembre 2015); clicca per ingrandire

 

 

 

 

 

  • giornale di siciliaArticolo su Giornale di Sicilia (4 dicembre 2015); clicca per ingrandire

Dall’introduzione della curatrice Simona Adelaide Martini:

 

Viviamo in una strana epoca, in cui dare voce ai sentimenti e alle emozioni è diventato il tabù per eccellenza. Il tabù della modernità, mi viene da definirlo in un atto di voluta provocazione linguistica. E chi subisce, sopra tutti, queste innominabili prescrizioni affettive sono coloro che non possiedono ancora la capacità di liberarsene in un atto catartico e oppositivo: i bambini. I bambini sono fiori inesplorati che si aprono al mondo, sbirciando dall’alto della loro immensa curiosità e fame di conoscenza tutto ciò che accade intorno a loro. Ciò che incontrano, talvolta, sono spessi muri costruiti con la paura e il pregiudizio, che li porta a ritirarsi in gusci di silenzio e intransigenza verso i propri istinti e il proprio piacere. Il preludio della nevrosi, avrebbe decretato Freud. Il testo che andrete a leggere, costituisce un tentativo di delicata esplorazione e scoperta del mondo infantile, a partire dai primi passi del bambino nel mondo che lo circonda fino all’incontro con le ambivalenze e le difficoltà che la crescita comporta. Un testo che si pone come possibile bussola per una prima conoscenza di alcune tematiche fondamentali e costituenti dello sviluppo sessuale, affettivo e relazionale dell’individuo. Per non perdersi nei meandri della complessità della psiche umana e delle contraddizioni della crescita. Per non spaventarsi di fronte a situazioni nuove e sconosciute. Per orientarsi nelle risposte. Per incuriosirsi. Per scoprire il desiderio di nuova ed approfondita conoscenza. Per sorridere di fronte alla semplicità di una vita che nasce e cerca di trovare il suo posto nel mondo.

 

 


*

La Manutenzione degli Affetti – Soggiorno esperienziale per coppie in crisi – settembre 2015

Featured

L’innovativo soggiorno esperienziale riservato a coppie in crisi

Le prenotazioni sono aperte

iscrizioni aperte

 

la_manutenzione_degli_affettiImmagina di guidare su una strada provinciale e di perderti. Cosa faresti? Probabilmente non premere al massimo l’acceleratore. Potresti rallentare, cercare di leggere la cartina o Google Maps per orientarti, chiedere informazioni e procedere con cautela. Lo stesso consiglio vale per una coppia in crisi: quando non sapete cosa fare e vi sentite persi ha senso rallentare, raccogliere le idee e farvi aiutare da chi ha le coordinate giuste.

 

Il soggiorno esperienziale è per te se:

Destino o fortunata casualità: c’è stato il momento in cui avete benedetto l’incontro con il vostro partner. Vi siete innamorati, avete fatto l’amore con una profondità mai provata, avete fatto progetti insieme.

Ora le cose non vanno bene. Ad esempio

  • La vostra comunicazione si è fatta fragile. Infuocata, gonfia di litigi, rancori e risentimenti che si sovrappongono. Oppure si è come congelata. C’è un muro tra voi sbirciando oltre il quale riuscite ancora a rivedere i tempi che furono
  • La relazione sessuale non è quella di un tempo. Rapporti sporadici, consumati meccanicamente per senso del dovere, o assenti. A volte l’interesse e il desiderio sono risvegliati da un’altra persona e state fronteggiando un tradimento
  • I rapporti con i parenti sono un disastro. Preoccupazioni scolastiche o comportamentali dai vostri figli, cognati e suoceri che non facilitano le vostre difficoltà
  • Gli amici: sono bravi a farti domande imbarazzanti ma danno consigli sbagliati, senza conoscere i segreti e difettando della necessaria empatia che ogni persona in crisi dovrebbe trovare
  • Siete andati incontro a un evento traumatico, imprevisto. Un lutto, un aborto, un incidente o un problema lavorativo vi hanno fatto perdere il controllo della vostra vita

  

 Il titolo

La Manutenzione degli Affetti è il titolo di una raccolta di brevi racconti su coppie e individui alle prese con bivi esistenziali, opera dello scrittore Antonio Pascale. La locuzione, nella sua brevità, raccoglie molte idee di cui ci facciamo portatori: i legami affettivi sono quanto di più prezioso abbiamo ed è necessario un impegno quasi fisico per nutrirli e curarli.

 

Quando e dove si terrà il soggiorno esperienziale?

La Manutenzione degli Affetti si terrà nel Relais Villa Amerina, nelle colline umbre tra Terni e Spoleto. Il relais offre un ambiente edenico: potrete godere un panorama naturalistico mozzafiato dalle camere dell’agriturismo e a bordo della splendida piscina. Il Relais si trova alle porte di Acquasparta, comune inserito tra i borghi più belli di Italia, a poco più di un’ora da Roma.

Il soggiorno esperienziale si terrà da giovedì 3 settembre a domenica 6 settembre 2015.

mappa_calendario_manutenzione_affetti

 

Il programma

Il soggiorno vi garantirà lo spazio per l’introspezione e le esperienze trasformative coniugato con momenti di massimo relax. A margine dei gruppi esperienziali – che si svolgeranno due volte al giorno – potrete infatti godere della piscina e della natura, visitare il borgo di Acquasparta e quelli nelle vicinanze come Todi e Spoleto. Il trattamento sarà di mezza pensione: avrete accesso alla colazione e ogni sera alla cena esclusiva con specialità umbre, e a pranzo sarete liberi di organizzarvi in libertà.

Sarete attesi nella giornata di giovedì per il benvenuto – ci comunicherete l’orario di arrivo, possibile fin dalla mattina – e per un breve colloquio di coppia con il dott. Nicola Boccola e la dott.ssa Edith Mincuzzi, finalizzato a una migliore conoscenza reciproca.

Nei giorni successivi si praticheranno le tecniche di gruppo:

Per maggiori informazioni sulle tecniche e il programma delle giornate compila il form sotto.

 

I professionisti

istituto_hfcNicola Boccola – Psicologo e mediatore familiare. Fondatore di Istituto HFC, consulente in Psicologia Giuridica e Mediazione Familiare e docente in Master e corsi di specializzazione. Collabora con la cattedra di Psicologia della Pubblicità dell’Università di Cassino e con Treccani.

 

 

 

laura-auricchioLaura Auricchio – Psicoterapeuta a orientamento sistemico-relazionale. Pratica professionale di intervento clinico con persone, coppie e famiglie; parte dell’équipe dello Spazio Neutro del Centro Comunale SENECA

 

 

 

M. Giusy Rosamondo – Psicoterapeuta familiare, di coppia e individuale. Parte dello staff dello Studio Medico Picano e di Rebecca Blues (progetto di sostegno alla maternità, prevenzione e trattamento della depressione post-partum). Psicologa del CMR (struttura riabilitativa ex art. 26, attivo in Puglia e Basilicata)

 

 

francesco_tassiello

Francesco Tassiello – Sessuologo, psicoterapeuta ad orientamento strategico e mediatore familiare, socio della Società Italiana di Mediazione Familiare (SIMeF) e dell’Associazione Europea di Mediazione Familiare (AEMeF). Svolge attività di CTU per il Tribunale di Velletri e CTP.

 

 

 

edith_mincuzziEdith Mincuzzi – Psicoterapeuta e mediatrice familiare. Collabora con la cooperativa Dreams, con il policlinico Gemelli e con la cattedra di Psicologia della Personalità presso l’Università Lumsa di Roma.

 

 

Cosa mi offre il soggiorno esperienziale

Gli operatori del soggiorno esperienziale sono professionisti di acclarata esperienza nella gestione terapeutica delle dinamiche tra coppie  – tutti iscritti all’Ordine degli Psicologi.

Non possiamo garantirti che dopo il soggiorno esperienziale tornerete insieme in piena armonia – vorrebbe dire sostituirci alla vostra autodeterminazione. Quello che faremo è applicare con rigore scientifico tecniche evidence based, in grado di offrirvi strumenti da utilizzare subito e in autonomia. Il protocollo utilizzato permetterà una profonda riscoperta dei nuclei emozionali individuali e di coppia, e vi porterà a toccare con mano l’essenza del vostro rapporto.

 

Come facciamo a partecipare?

Per richiedere informazioni dettagliate compila il form qui sotto in tutte le sue parti: ci metteremo in contatto con te entro 24 ore (o il lunedì nel caso del weekend) *

 [contact_bank form_id=1]

 

*Perché avete bisogno di queste informazioni?

La Manutenzione degli Affetti è una vacanza; ma è soprattutto uno spazio che necessita di coraggio e autentica voglia di superare le difficoltà. Per questo la soluzione migliore è metterci in contatto con voi, assicurarci sulle motivazioni, verificare che entrambi i partner acconsentano al soggiorno. In una parola, cominciare a conoscerci.

Prenotare poi sarà semplicissimo: vi invieremo per email il programma completo e le indicazioni.

Un piccolo consiglio: se hai deciso di iscriverti non perdere tempo. Il numero dei partecipanti, per agevolare la cura dei trattamenti, è limitato a 6 coppie. Il soggiorno esperienziale sarà attivato con una presenza di almeno 2 coppie.

Coppie iscritte al momento: 1.

I costi sono accessibili e totalmente deducibili come spesa sanitaria.

 

Alcuni suggerimenti per l’immediato

Evitate di rimanere bloccati in un fuoco incrociato di disaccordi. Concentratevi su una questione alla volta e valutate le argomentazioni del partner con calma e in modo equo. Identificate un problema comune tra quelli che più vi esasperano: siate specifici ed evitate di essere vaghi, di generalizzare.

I silenzi e il broncio coniugano una delusione e il rifiuto di comunicare le ragioni. La verità è che siamo così complicati che cercare di capire l’altro solo osservandolo può essere difficile come comprendere in funzionamento di una centrale nucleare solo guardandola dall’esterno. Offrite spiegazioni su chi siamo e sui motivi che ci inducono a essere delusi e arrabbiati, anche per una apparente inezia.

 

 

*

La Manutenzione degli Affetti – Anteprima

la_manutenzione_degli_affettiImmagina di guidare su una strada provinciale e di perderti. Cosa faresti? Probabilmente non premere al massimo l’acceleratore. Potresti rallentare, cercare di leggere la cartina o Google Maps per orientarti, chiedere informazioni e procedere con cautela. Lo stesso consiglio vale per una coppia in crisi: quando non sapete cosa fare e vi sentite persi ha senso rallentare, raccogliere le idee e farvi aiutare da chi ha le coordinate giuste.

La Manutenzione degli Affetti è un progetto innovativo di Istituto HFC, che coniuga prassi scientifica a cura della coppia.

A questo link la pagina completa. Per gli aggiornamenti iscriviti alla nostra newsletter








*

Corso di II° livello in Mediazione Familiare – Roma, gennaio/maggio 2017

Corso riservato a professionisti e laureati del settore giuridico, psicologico, pedagogico e sociale che hanno frequentato il corso di I° livello

12 posti disponibili

 

Questo Corso è per te se:

A.I.Me.F 309-2015  √ Vuoi concludere il percorso formativo che ti permetta di acquisire una formazione certificata in Mediazione Familiare. Il Master è accreditato con AIMeF, unica associazione iscritta presso il Ministero in grado di rilasciare attestato di qualità per la professione di Mediatore Familiare

Come professionista del settore psicologico, pedagogico o sociale hai a cuore i diritti dei minori e vuoi impegnarti nella cura delle dinamiche familiari nei momenti di crisi

  √ Come professionista del settore giuridico sei consapevole della necessità di integrare una migliore comprensione delle dinamiche familiari con le competenze nel diritto di famiglia, per un’efficace pratica della negoziazione assistita

 √ Pensi anche tu che per rispondere in modo risolutivo e pratico alle domande delle coppie in separazione e dei Tribunali, non si possa improvvisare, ma bisogna essere formati in maniera specialistica, in particolare quando si ha a che fare col futuro dei bambini

Cosa ti offriamo: 

La pregevole sede: l’hotel Palazzo al Velabro, a due passi dai fori romani e dal Circo Massimo, in pieno centro storico di Roma 

√  I moduli specifici per professionisti di area giuridica e di area psicologica, pedagogica e sociale, organizzati tenendo conto dei normali cicli di attenzione. Le attività pratiche potenziate.

√ Il numero massimo di partecipanti è fissato a 12 che hanno frequentato il corso di primo livello 

√ Tutte le slide utilizzate a lezione dai docenti saranno offerte ai corsisti n licenza Common Creative © per libero uso nella successiva attività professionale. Saranno poi distribuiti: il testo di riferimento (Canevelli, Lucardi, La Mediazione familiare. Dalla rottura del legame al riconoscimento dell’altro. Bollati Boringhieri); l’ebook La Mediazione Familiare: novità giuridiche e psicologiche (a cura di N. Boccola, Ed. Istituto HFC, 2014); la dispensa completa (a cura di F. Tassiello)  

√ In caso di assenza i corsisti avranno a disposizione il video della lezione  

 

Gli argomenti

  • Affido esclusivo e congiunto: quando la Mediazione familiare può aiutare
  • La comediazione
  • La mediazione impossibile
  • La comunicazione efficace. Verbale e non verbale; quando fallisce
  • Il mediatore familiare: percorso formativo, qualità personali, competenze professionali
  • La Mediazione interculturale
  • Strategie di promozione professionale
  • La famiglia come sistema e come matrice dell’identità individuale
  • Le nuove configurazioni familiari: le famiglie ricostituite
  • La separazione e la fase dello sviluppo dei figli
  • Il modello della Parenting coordination di Debra Carter
  • Scenari della Genitorialità: L’Ombra di sé proiettata sul figlio, l’Ombra dell’oggetto dei genitori

Il direttore scientifico

francesco_tassielloFrancesco Tassiello – Psicoterapeuta ad orientamento strategico e mediatore familiare, socio della Società Italiana di Mediazione Familiare (SIMeF) e dell’Associazione Europea di Mediazione Familiare (AEMeF). Docente di Mediazione Familiare Interculturale presso l’Istituto San Gallicano di Roma. Svolge attività di CTU per il Tribunale di Velletri e Latina.

 

Cosa mi offre il Corso

  √ Con il diploma certificato da AIMeF potrai praticare la professione di Mediatore familiare in ambito pubblico (Tribunali, scuole, sportelli comunali) o privato (studio professionale)  

Il percorso formativo rappresenta un’eccezionale esperienza di crescita personale e delle proprie modalità di relazionarsi con gli altri, oltre a un modo per acquisire competenze professionali immediatamente spendibili

Quando e dove si terrà il Corso?

E’ in programma presso l’hotel Palazzo al Velabro, in via del Velabro 16 (zona Bocca della Verità, Metro B Circo Massimo)

mappa velabro

Dal 14 gennaio 2017 (un weekend al mese composto dall’intera giornata del sabato e dalla domenica mattina). In totale 6 weekend per complessive 72 ore di lezione. L’esame finale è previsto il 31 maggio 2017.

Quanto costa?

Il costo del corso, è di 1200 euro (tutto compreso). Non dovrai pagare tutto insieme: dopo la quota di iscrizione di 200 euro (che è scalata dalla somma totale), sono previste formule di pagamento agevolato.

Per conoscere tutte le agevolazioni richiedi il programma dettagliato del corso con una mail a info@istitutohfc.com

Come faccio a iscrivermi?

Iscriversi è semplicissimo: basta inviare all’indirizzo info@istitutohfc.com una mail con la richiesta di iscrizione e programma, allegando il diploma di I° livello. Accolta la richiesta, ti invieremo una mail con le istruzioni per iscriverti, che prevedono l’invio del modulo di iscrizione firmato e del versamento della quota di euro 200.

Informativa cookies

Questa informativa sull’utilizzo dei cookie è resa all’utente in attuazione del provvedimento del Garante per la protezione dei dati personali dell’8 maggio 2014 “Individuazione delle modalità semplificate per l’informativa e l’acquisizione del consenso per l’uso dei cookie” e nel rispetto dell’art. 13 del Codice privacy (D.Lgs. n. 196/2003).
Questo sito utilizza cookie tecnici, propri e di terze parti, per consentire la corretta navigazione e per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso con l’obiettivo del miglioramento continuo del servizio.
In questa pagina sono riportate informazioni sull’uso dei cookie e di tecnologie similari, su come sono utilizzati e su come gestirl

Titolare del trattamento dati

Titolare del trattamento dati è Istituto Hfc – Forensic Psychology.

Definizioni

I cookie sono brevi frammenti di testo (lettere e/o numeri) che permettono al server web di memorizzare sul client (il browser) informazioni da riutilizzare nel corso della medesima visita al sito (cookie di sessione) o in seguito, anche a distanza di giorni (cookie persistenti). I cookie vengono memorizzati, in base alle preferenze dell’utente, dal singolo browser sullo specifico dispositivo utilizzato (computer, tablet, smartphone). Tecnologie similari, come, ad esempio, web beacon, GIF trasparenti e tutte le forme di storage locale introdotte con HTML5, sono utilizzabili per raccogliere informazioni sul comportamento dell’utente e sull’utilizzo dei servizi. Nel seguito di questo documento faremo riferimento ai cookie e a tutte le tecnologie similari utilizzando semplicemente il termine “cookie”.

Tipologie di cookie

In base alle caratteristiche e all’utilizzo dei cookie possiamo distinguere diverse categorie:
Cookie tecnici:
cookie di navigazione, di funzionalità e di sessione utilizzati al solo fine di garantire il corretto funzionamento del sito;
cookie analytics utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso con l’obiettivo del miglioramento continuo delle funzionalità, dell’organizzazione dei contenuti, sul supporto delle diverse piattaforme e browser.

Cookie di profilazione:
cookie permanenti utilizzati per identificare (in modo anonimo e non) le preferenze dell’utente e migliorare la sua esperienza di navigazione.
Questo sito utilizza unicamente cookie di profilazione di Facebook (Pixel).

Durata dei cookie

I cookie utilizzati da questo sito terminano la propria validità al termine della sessione o dopo un tempo di inattività dell’utente fissato dal server.

Cookie tecnici di terze parti

Il sito si avvale del servizio Google Analytics: cookie tecnici di tipo analytics utilizzati per raccogliere informazioni, in forma aggregata, sul numero degli utenti e su come questi visitano il sito stesso. Tali informazioni sono utilizzate ai fini del miglioramento continuo delle funzionalità, dell’organizzazione dei contenuti, del supporto delle diverse piattaforme e browser.

Gestione dei cookie

Normalmente i browser accettano i cookies automaticamente. 
L’utente può decidere se accettare o meno i cookie utilizzando le impostazioni del proprio browser
.
Accedere alla sezione “Impostazioni” o “Configurazione” del proprio browser per evitare o limitare la ricezione di cookie. Disabilitando i cookie, la vostra navigazione sul sito potrebbe subire limitazioni.

Di seguito si forniscono i riferimenti alle istruzioni per disabilitare i cookie nei browser più diffusi, rese disponibili dai relativi servizi di supporto:
Chrome 
Firefox
 
Internet Explorer
 
Opera
 
Safari

L’impostazione può essere definita in modo specifico per i diversi siti e applicazioni web.

Breve questionario sulla Mediazione Familiare

Per coadiuvare il lavoro di ricerca della nostra collaboratrice Eleanna D’Alessandro sulle rappresentazioni sociali della Mediazione Familiare, le chiediamo di compilare il breve questionario anonimo che troverà a questo link: Questionario Mediazione Familiare.

La ringraziamo anticipatamente e la invitiamo a iscriversi alla nostra newsletter per gli esiti della ricerca.